PROGETTI

Ambiti di intervento

La Fondazione dedicherà risorse umane, intellettuali e di capitale in questi ambiti che hanno spazi di sovrapposizione e di contaminazione. Tutte le attività trovano nella cultura e esperienza ICT le fondamenta e il motore propulsivo. Le aree individuate sono descritte in base a una priorità temporale e saranno sviluppate nel triennio 2024-2026 in funzione delle risorse e del capitale raccolto.

Ospitalità Sostenibile (OSO)

Osservatorio Bandi (OBA)

Applicazioni Agri-Tech (AGT)

Mobilità Sostenibile (MOS)

R&S Distretti Territorio (RSD)

Strutture a supporto

A supporto della propria operatività e crescita la Fondazione necessita di strutture di:

Formazione (FOR)

Relazioni e promozione della Fondazione (REP)

Operatività

Ogni area progettuale ha il compito di sviluppare autonomamente il proprio progetto. Questa autonomia operativa è guidata da una figura professionale altamente qualificata, ricercata sul mercato per le sue competenze e la sua esperienza. Questo professionista funge da “responsabile di area” e opera conformemente alle linee guida stabilite dalla Fondazione.
Il ruolo del responsabile di area è multidimensionale. Innanzitutto, si preoccupa di definire progetti specifici che rientrino nei parametri delle iniziative della Fondazione.

Questi progetti sono creati in modo strategico per affrontare le sfide o le opportunità identificate nell’area progettuale. Inoltre, il responsabile di area costituisce gruppi di lavoro, assemblando un team di individui con competenze complementari per collaborare efficacemente nel raggiungere gli obiettivi del progetto.
Un elemento chiave del ruolo del responsabile di area è la guida e la supervisione delle attività del team nel processo di sviluppo delle soluzioni applicative. Questo coinvolge l’allocazione di risorse, come tecnologie e competenze umane, per garantire che il progetto proceda in modo efficace e coerente. Inoltre, il responsabile di area si impegna a motivare e ispirare il suo team, incoraggiando la creatività e la collaborazione.

Parallelamente a ciascuna area progettuale, vi sono le strutture di supporto, ognuna guidata da una figura responsabile. Queste strutture lavorano in stretta collaborazione con le aree progettuali e si concentrano su fornire assistenza, risorse e soluzioni alle diverse esigenze che possono emergere nel corso del progetto. Il coordinamento tra le aree progettuali e le strutture di supporto è essenziale per garantire che ciascuna area abbia accesso ai servizi e alle risorse necessarie per avere successo.

In sintesi, questo approccio organizzativo promuove un equilibrio tra autonomia e supporto. Ciascuna area progettuale ha l’indipendenza di sviluppare il proprio progetto, ma è guidata da un professionista esperto. Le strutture di supporto sono a disposizione per affiancare ciascuna area e soddisfare le sue diverse esigenze, il che contribuisce all’efficacia e all’efficienza complessiva dell’organizzazione.

Foto di Valmorel ©Loris De Barba